LASERTERAPIA

La laserterapia sfrutta a scopo terapeutico gli effetti biologici prodotti dalla luce laser. Il termine LASER è l'acronimo di Light Amplifìcation by Stimulated Emission of Radiation, la cui traduzione italiana è
" Amplificazione della luce mediante emissione stimolata di radiazion".

EFFETTI TERAPEUTICI

I maggiori effetti terapeutici delle applicazioni laser sono:

Effetto antinfiammatorio :

L'effetto analgesico è dovuto all'azione del ca1ore e ad un'azione diretta degli ultrasuoni sulle terminazioni nervose sensitive.

Effetto antiedemigeno :

Il rilasciamento dei muscoli contratti è legato all'effetto termico e all'azione di micromassaggio tissutale indotto dagli ultrasuoni.

Miglioramento della circolazione :

Le oscillazioni delle particelle dei tessuti, prodotte dagli ultrasuoni, determinano la perdita della compattezza delle fibre collagene dei tessuti fibrosi; quest'effetto è utile nel trattamento dei tessuti cicatriziali.

Cicatrizzazione delle ferite :

La vasodilatazione, provocata dal calore, facilita la rimozione delle sostanze di scarto (cataboliti) e fa affluire nei tessuti sostanze nutritive e ossigeno; in tal modo gli ultrasuoni migliorano il trofismo dei tessuti, agevolano la riparazione dei danni tissutali e accelerano la risoluzione dei processi infiammatori.

Effetto antalgico :

L'effetto antalgico va di pari passo con l'effetto antinfiammatorio e antiedemigeno; inoltre il laser agisce innalzando la soglia di eccitabilità dei recettori al dolore, attraverso 1'iperpolarizzazione delle membrane delle fibre nervose.

INDICAZIONI
CONTROINDICAZIONI

Le applicazioni laser possono essere eseguite su portatori di protesi
metalliche, direttamente nella zona della sede della protesi senza
effetti secondari di nessuna natura.